Bot neri 4/5

Durata lettura: corta

Stare col mio amico mi tranquillizava.
Abbiamo cenato insieme e siamo anche usciti quella sera, tornando un po’ tardi.
Lui era brillo, ma io non ho bevuto. L’ho lasciato in camera sua e mi sono messo nella cameretta degli ospiti, quella che mi ha concesso.
Lì ho svolto altre ricerche sul “Black Web”. Sui normali motori di ricerca mi uscivano fuori risposte relative al “Dark Web” però, che in effetti ha un nome simile. Dovevo necessariamente fare le ricerche utilizzando il link che mi aveva mandato il tipo di Reddit.
Come già detto in quel sito giravano parecchie creepypasta relative a rapimenti e torture, ma tornandoci ho notato che oltre alle storie giravano anche i video. Per poterli vedere dovevo essere un iscritto però, motivo per cui inizialmente li ho ignorati.
Preso dalla curiosità ho deciso di iscrivermi a quel sito. Non era necessaria neanche la mia email a quanto pare, quindi l’iscrizione sembrava sicura e priva di problemi oltreché veloce, e una volta divenuto membro del sito ho avuto accesso ai video.
Definirli horror è dire poco. Non fanno davvero paura, ma più che altro generano tristezza. Le persone intrappolate in quelle stanze buie e seviziate sembravano persone normali, comuni … persone con una famiglia, una speranza e un futuro, persone come me.
Ne ho visti solo due e poi non ho più retto. Sono andato prima a vomitare in bagno, e poi ho deciso di annullare l’iscrizione al sito cancellando il mio profilo.
Non sono uscito dal sito, e rimanendo lì ho scoperto molte cose.
C’è un luogo nel Dark Web chiamato “Teatro Nero”, e sembra che questi video provengano da lì. A quanto pare il Teatro Nero ha qualcosa a che fare con il Black Web, motivo per cui in molti sono interessati ai suoi contenuti orrorifici.
Inoltre mi pare di aver capito che le torture non sono fine a sé stesse. Servono infatti per portare avanti una serie di esperimenti umani finanziati tramite le criptovalute, e c’è chi pensa che tutti gli esperimenti stiano venendo portati avanti dalla stessa persona.
Il Teatro Nero è un sito difficile da individuare, e ancora più difficile è accedervi. Ma sono fortunato, perché nel forum aggiornano costantemente i vari link con cui è possibile accedervi, e così … spinto dalla curiosità, lo faccio.
Quel sito è … enorme. Molto semplice sia nella grafica che nella struttura, conosco siti porno con grafiche migliori, però è pregno di contenuti che si aggiornano ad ogni secondo: i commenti sotto ai video appaiono in tempo reale, le scritte cambiano in continuazione, e noto testi scritte in lingue straniere venire tradotti nella mia lingua davanti ai miei stessi occhi!
Nel sito non c’è solo violenza, non c’è solo sangue, c’è molto di più. Vedo video dedicati alla creazione di nuove incredibile tecnologie, leggo di documenti segreti appartenenti ad agenzie governative che vengono scambiati tranquillamente tra gli utenti, e infine trovo l’accesso al Black Web … il padre di tutti i black bot.
Non posso accedervi ovviamente, ma mi è concesso (sotto pagamento) il caricamento di un intelligenza artificiale al suo interno. Io ovviamente non potevo farlo, però ero lì e quindi ho continuato ad esplorare il sito fino a quando non l’ho visto.
Quel video.
Il video girato a casa mia quando io ero ubriaco.